Sussidi per la preghiera

HOME BEATO ODOARDO FOCHERINI

 

Venerabile Servo di Dio Odoardo Focherini

O Dio nostro Padre noi ti rendiamo grazie per il tuo servo
il nostro fratello Odoardo.

Nella sua vita, offerta come sacrificio a te gradito,
ci riveli la Tua instancabile cura
per ognuno dei tuoi figli; e ci doni la certezza
che la tua fedeltà non verrà mai meno.

Ora ti preghiamo:
fa che per intercessione di questo tuo testimone giusto e fedele
possiamo seguire il tuo Figlio Unigenito
edificando il mondo e l’umana famiglia nella giustizia e nella pace.

Donaci il tuo Spirito generoso che ci spinga a rendere testimonianza
all’amore di Cristo in ogni circostanza della storia.
Amen

Carpi, 6 giugno 1907 – Hersbruck, 27 dicembre 1944
————————————
Si invitano i fedeli ad invocare l’intercessione del Beato Odoardo al fine di ottenere, dalla misericordia di Dio, grazie speciali.
Chi ricevesse, per intercessione del Beato Odoardo doni soprannaturali, vorrà avere la cortesia
di informare la Diocesi di Carpi (059/686048).

Scarica il santino in italiano –>

Download the holy card in English –>

Laden Sie die heilige Karte auf Deutsh herunter –> 

Téléchargez la carte sacrée en français –>

Descargar la tarjeta sagrada en español –>

 


Via Crucis con Odoardo Focherini

Morendo in croce per liberarci dai peccati e renderci un solo uomo nuovo, Cristo ha consegnato la sua vita nelle mani del padre suo: ‘Padre nelle tue mani consegno il mio spirto’ (Lc 23.46).

Così anche il martire Odoardo Focherini è entrato nell’ora della morte con il medesimo atteggiamento di offerta fiduciosa di sé alla misericordia onnipotente di Dio, per il bene della Chiesa e del mondo.

Meditare i misteri della passione di Cristo, unitamente ai testi che Odoardo ha scritto nel tempo della sua salita al calvario, ci spinge a contemplare Grazia di Dio che, nel suo disegno sapiente e misterioso, ha voluto unire perfettamente questo figlio della terra emiliana al suo Figlio unigenito, coronando la sua esistenza con la gloria del martirio.

Egli stesso, in una lettera alla moglie Maria, afferma di voler accogliere il dolore che la Provvidenza gli ha messo innanzi come il segno di una futura ricompensa incommensurabilmente più grande per sé e per tutta l’umanità.
Così anche noi, che percorriamo la via della croce dietro a Cristo ed in compagnia di Odoardo, possiamo lasciare rinnovare il nostro sguardo e rendere più salda la nostra fiduciosa offerta della vita a quel Dio che ci ha generati e che non viene meno alla sua fedeltà.

Scarica l’intero testo