Solennità dell’Assunta, si prega con la comunità ucraina

La Chiesa di Carpi celebra l’Assunta pregando per la pace
 
Lunedì 15 agosto, alle 8, in Cattedrale, Santa Messa presieduta dal Vescovo Castellucci. Preghiera per la pace con una delegazione della comunità ucraina di rito greco-cattolico. A seguire, processione per le vie della città. Alle 10.45, sempre in Cattedrale, Santa Messa presieduta dal Vicario generale, monsignor Manicardi.
Lunedì 15 agosto, si celebrerà la solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, evento di fede e manifestazione pubblica in onore della Madonna, molto sentito in città da oltre cinque secoli a questa parte.
A Maria, regina della pace, la Chiesa di Carpi, insieme al popolo cristiano in ogni latitudine, guarda oggi più che mai con fiducia sospinta dall’invito costante di Papa Francesco a non dimenticare l’aggressione subita dall’Ucraina e tutti i conflitti che insanguinano il mondo.
Per questo la celebrazione eucaristica, alle ore 8, in Cattedrale, sarà presieduta dal Vescovo Erio Castellucci con accanto don Alessandro Sapunko, parroco della comunità ucraina di rito greco-cattolico, che sarà presente con una delegazione di fedeli. Un gesto che vuole esprimere vicinanza e comunione nella preghiera per invocare insieme il dono della pace.
In questa prospettiva anche la processione con la venerata immagine dell’Assunta, che quest’anno a causa dei cantieri avrà un percorso diverso, assumerà un significato particolare, come un pellegrinaggio tra le vie della città e, simbolicamente, del mondo, tra le case dove le persone vivono e soffrono le conseguenze della guerra.
Programma di lunedì 15 agosto
Alle ore 8, in Cattedrale, il Vescovo di Carpi, monsignor Erio Castellucci, presiederà la Santa Messa. Saranno presenti don Alessandro Sapunko e una delegazione della comunità ucraina di rito greco-cattolico per una particolare preghiera per la pace.
Seguirà la processione (Corso Cabassi, Via Rodolfo Pio, Via Matteotti, Via Gobetti, Viale Carducci, Via Sbrillanci, Piazza Garibaldi, Corso Alberto Pio, Piazza Martiri).
Al termine della processione, alle ore 10.45, sempre in Cattedrale, Santa Messa presieduta dal Vicario generale, monsignor Ermenegildo Manicardi.
Lunedì 15 agosto, le Sante Messe festive in Cattedrale saranno, dunque, celebrate alle ore 8, 10.45, 12 e 18.
 Novena in preparazione alla solennità dell’Assunta, da lunedì 8 agosto, alle ore 21, in Cattedrale.


Pace, pace, pace! Sarà questa l’invocazione che si alzerà anche in occasione della celebrazione dell’Assunta del prossimo lunedì 15 agosto a Carpi, la solennità che richiama migliaia di persone in città. A lei, a Maria, regina della pace, il popolo cristiano, in ogni latitudine, guarda con fiducia sospinto dall’invito costante del Papa a non dimenticare l’aggressione subita dall’Ucraina e tutti i conflitti che insanguinano il mondo.
Il pensiero corre subito al 25 marzo di quest’anno, giorno in cui Francesco ha chiesto a tutte le chiese del pianeta di unirsi a lui nell’atto di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria dell’Ucraina e della Russia che così recita: “Noi, dunque, Madre di Dio e nostra, solennemente affidiamo e consacriamo al tuo Cuore immacolato noi stessi, la Chiesa e l’umanità intera, in modo speciale la Russia e l’Ucraina. Accogli questo nostro atto che compiamo con fiducia e amore, fa’ che cessi la guerra, provvedi al mondo la pace. Il sì scaturito dal tuo Cuore aprì le porte della storia al Principe della pace; confidiamo che ancora, per mezzo del tuo Cuore, la pace verrà. A te dunque consacriamo l’avvenire dell’intera famiglia umana, le necessità e le attese dei popoli, le angosce e le speranze del mondo”.
Anche la Chiesa di Carpi raccolse l’invito e in comunione con il Papa si celebrò l’atto di consacrazione nei due santuari mariani della città, la Madonna dei Ponticelli a San Marino e la Madonna dell’Aiuto a Santa Croce.  “In quest’ora l’umanità, sfinita e stravolta, sta sotto la croce con te. E ha bisogno di affidarsi a te, di consacrarsi a Cristo attraverso di te. Il popolo ucraino e il popolo russo, che ti venerano con amore, ricorrono a te, mentre il tuo Cuore palpita per loro e per tutti i popoli falcidiati dalla guerra, dalla fame, dall’ingiustizia e dalla miseria”.
Così la preghiera del Papa del 25 marzo e con la stessa drammatica urgenza si rinnoverà anche il prossimo 15 agosto, nel contemplare Maria, Assunta in cielo nell’immagine presente in Cattedrale così cara ai carpigiani: la celebrazione eucaristica, alle ore 8, sarà presieduta dal vescovo Erio Castellucci, accanto a lui don Alessandro Sapunko, parroco della comunità ucraina di rito greco-cattolico che sarà presente con una delegazione. Un gesto che vuole esprimere vicinanza e comunione nella preghiera a Maria per invocare insieme il dono della pace.
In questa prospettiva anche la processione con la venerata immagine dell’Assunta, che quest’anno a causa dei cantieri avrà un percorso diverso, assumerà un significato particolare con Maria, un pellegrinaggio tra le vie della città/mondo tra le case dove le persone vivono e soffrono le conseguenze della guerra.
Luigi Lamma