Il vescovo Erio invita tutti a prepararsi al Natale con la Lectio divina

Registrazione della prima serata - 5 dicembre 2019

Vai alla registrazione –>

Prossima serata il 12 dicembre 2019

——————————————–

Tre serate di lectio divina organizzate dal Settore Apostolato Biblico dell’Ufficio Catechistico 

“Si accostino essi volentieri al sacro testo, sia per mezzo della sacra liturgia, che è impregnata di parole divine, sia mediante la pia lettura, sia per mezzo delle iniziative adatte a tale scopo e di altri sussidi, che con l’approvazione e a cura dei pastori della Chiesa, lodevolmente oggi si diffondono ovunque. Si ricordino però che la lettura della Sacra Scrittura dev’essere accompagnata dalla preghiera, affinché si stabilisca il dialogo tra Dio e l’uomo; poiché «quando preghiamo, parliamo con lui; lui ascoltiamo, quando leggiamo gli oracoli divini»”. (Costituzione Dogmatica sulla Divina Rivelazione Dei Verbum, 18 novembre 1965)

“Non dobbiamo mai dimenticare che a fondamento di ogni autentica e viva spiritualità cristiana sta la Parola di Dio annunciata, accolta, celebrata e meditata nella Chiesa. (…) Facciamo silenzio per ascoltare la Parola del Signore e per meditarla, affinché essa, mediante l’azione efficace dello Spirito Santo, continui a dimorare, a vivere e a parlare a noi lungo tutti i giorni della nostra vita” (Esortazione Apostolica Postsinodale Verbum Domini di Papa Benedetto XVI nn. 121 e 124).

In questo tempo di Avvento, il Settore Apostolato Biblico (Sab) dell’Ufficio Catechistico Diocesano, accogliendo la proposta di monsignor Erio Castellucci, organizza tre incontri dedicati alla Parola di Dio e rivolti a tutta la Chiesa di Carpi. “In preparazione al Natale – spiegano gli organizzatori del Sab – si è deciso di promuovere un’iniziativa che mettesse al centro la Sacra Scrittura e che, svolgendosi in Cattedrale, potesse avere una dimensione diocesana. Questo su indicazione del Vescovo Erio e, naturalmente, in consonanza con il Magistero della Chiesa: a partire dalla Costituzione dogmatica Dei Verbum del Concilio Vaticano II, per arrivare a Papa Francesco, che da sempre, nel suo pontificato, riafferma l’importanza della celebrazione, riflessione e divulgazione della Parola di Dio e che, di recente, con il Motu Proprio Aperuit Illis, ha appunto istituito la Domenica della Parola di Dio”. La modalità scelta per gli incontri in Cattedrale è la lectio divina, il metodo di approccio alla Scrittura su cui insiste in modo particolare l’Esortazione postsinodale Verbum Domini del 2010. Un metodo, quello della lettura orante, “semplice, nel senso che non si tratta, per così dire, di nulla di eclatante, ma è in piena continuità con la tradizione della Chiesa – osservano gli organizzatori -. La lectio, infatti, attraverso i suoi passi fondamentali, lectio, meditatio, oratio, contemplatio e, poi ancora, actio, è ‘capace di schiudere al fedele il tesoro della Parola di Dio’, e ‘di creare l’incontro col Cristo, parola divina vivente’, come si legge nella Verbum Domini. Concetto ribadito più volte da Papa Francesco nell’Aperuit Illis, ‘è necessario non assuefarsi mai alla Parola di Dio, ma nutrirsi di essa per scoprire e vivere in profondità la nostra relazione con Dio e i fratelli’”. Nell’alternanza tra momenti di silenzio e accompagnamenti musicali, le tre serate, alle ore 21, in Cattedrale, saranno condotte da altrettanti biblisti, con la scelta di brani evangelici che si legano all’Avvento, richiamandosi in particolare al tema dell’attesa così consono al tempo liturgico “forte” che stiamo vivendo.

Questo il programma.

Vedi –> Giovedì 5 dicembre, la lectio sul Vangelo di Luca, “Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te” (Lc 1,26- 38), è stata guidata dal vicario generale monsignor Ermenegildo Manicardi.

Giovedì 12 dicembre, sul brano riassunto dalla domanda “Sei tu colui che deve venire?” e tratto dal racconto di Matteo (Mt 11,1-15), interverrà don Claudio Arletti, sacerdote della Diocesi di Modena e docente di Sacra Scrittura.

Giovedì 19 dicembre sarà, poi, la volta di monsignor Erio Castellucci con la lectio dal titolo “Il sogno di Giuseppe” dedicata all’episodio narrato nel Vangelo di Matteo (Mt 1,18-25). Dunque, l’invito a partecipare è rivolto a tutti coloro che sono interessati, adulti e giovani, ad incontrare il Signore attraverso una lettura orante delle Sacre Scritture, “strumento” privilegiato che la Chiesa off re, come recita in sintesi la locandina dell’iniziativa, per “leggere e meditare la Parola di Dio, pregare e contemplare il Signore che attraverso di essa incontriamo, dare forma e stile alle nostre azioni”.

 

41012 Carpi Emilia-Romagna Italia